06/09/08

Il copyright... un vero pandemonio. asu docet. X°D

Nota di Patty: mi sono presa la libertà di "tradurre" alcuni termini che potrebbero non essere chiari a chi, come me, non è avanti come Asu eh eh eh ^^
Asu grazie per il contributo, hai fatto un lavorone, sei grande!

Da che mondo è mondo, è sempre stata una cosa della quale lo stesso mondo se se ne sia beatamente infischiato.

Ovunque gira di tutto supertaroccato e nel nostro piccolo universo fumettaro la storia non cambia da secoli... e
mi riferisco alle prime raffigurazioni egiziane, copiate e stracopiate neisecoli dei secoli, amen.

L'unico valido copyright, imho (in my humble opinion, a mia modesta opinione), è la visibilità.

Più ti conoscono in giro,più è facile attribuirti quella data opera a occhio, vista, fugacesguardo. Per questo serve una pubblicazione con i controcazzi oppure un giro enorme che aumenti la popolarità su internet.

Questo è forse la via più facile per noi in generale, anche se persone del gruppo già pubblicano con case editrici note.

L'amministrazione italiana fa acqua da tutte le parti, non è una novità. Cosa posso fare io allora per proteggere le mie opere? Creare diversivi.

- uno. Ho un manoscritto con bozzetti, idee fantastiche o disegni che non voglio mi rubino? Fatevi copie della cosa, mettetele in almeno 3 buste e speditelo a voi stessi o a chi vi fidate. Quando arrivano NON apriteli mai.
Sigillateli in un cassetto ben protetto da luce. Un chiaro timbro postale(fatene mettere anche 5 o 6 che se leggano bene) arreca una data e prima di quella data nulla potrà essere pubblicato, solo successivamente.

Voi avete una data e un timbro dalla vostra parte intanto. Meglio che niente.
Lo consiglio per chi fa fumetti o scrive storie in particolare.

- due. Copyright fittizio o elemento di disturbo.
Mettete sempre una firma sulle vostre illustrazioni. Mettete una scritta © copyright sopra (a volte intimorisce) scriveteci sopra un link al vostro sito o del vostro blog o di qualsiasi cosa volete che porti a voi.
Tutto questo è possibile eliminarlo dal jpeg/gif/png pubblicato su internet ma uno si deve prenderela briga di farlo e non tutti hanno tutta questa gran voglia.

Se volete essere particolarmente carogne potete mettere anche le stesse scritte su linee e sfumature di ombreggiature in modo da rendere la vita difficile a chi deve ricostruire l'immagine oppure scrivere sopra l'immagine stessa a caratteri cubitali quello che ve pare in trasparenza.

- tre. Tagliare l'immagine. Tecnica utilizzata nei siti giappi di cg (computer grafica) e fanart (disegni ispirati ai personaggi noti dei manga o anime). Scompongono l'immagine in più parti e la ricompongono in una sorta di tabella in html. °°; io l'ho fatto ma per un altro scopo...

è lunghetto da fare e secondo me è un tantino per paranoici (giappi tsz!). Ma uno deve prendersi la briga di ricomporre l'immagine con photoshop e si contasempre che non tutti lo facciano.

- quattro. Postare immagini con una bassa risoluzione sia in pixel che dpi. Eviterei di superare gli 800x600 pixel e mai postare immi superiori a72 dpi.
Si possono riscalare e creare più grandi e facilmente stampabili con una buona risoluzione.

Oggi le stampe sono notevolmente migliorate ahimè, basta anche una immi piccola e un simpaticone può permettersi difare una collezione intera di magliettine fiche con la vostra illu...

se mi viene in mente altro ve lo dico... -.-
e cmq è bene che sappiate che tutto ciò che buttate su internet è "cosa persa", perché chiunque può appropriarsene e perché non interessa a chi vi cerca per pubblicarvi.

Se la seconda ipotesi accadesse, e lo auguro a tutte, vorrà inevitabilmente qualcosa di non già visto e nuovo.
E se avete un comic online potrebbe dirvi di smettere di pubblicarlo online per continuarlo su materiale cartaceo con la casa editrice.

E' già successo.
Vigili e sempre all'erta. La prima che ronfa si becca una pedata nel dedrè dalla patta X°D
kisu
asu

28 commenti:

  1. Complimenti per il blog, è molto bello! Vorrei invitarti sul mio blog: anche io mi diletto nel disegnare e mi piacerebbe un tuo parere! Mi trovi su www.ronnythecat.blogspot.com
    Ciao e ancora complimenti!^^

    RispondiElimina
  2. Mattia Bulgarelli6 settembre 2008 10:45

    Mi permetto di dissentire, esimie colleghe, su alcuni punti.

    Ma prima una perplessità
    Concordo sulla visibilità come "arma", ma allora a che serve il pacchetto sigillato?

    Il "watermark", consiglio 2, lo trovo ottimo.

    Il punto 3 si aggira con troppa facilità: i sistemi Macintosh e molti Linux hanno _di default_ dei programmi per "fotografare" i contenuti a schermo con un colpo di mouse. Per Windows ci sono programmi appositi.

    Concordo FORTEMENTE sull'ultimo consiglio: tutto ciò che si mette in Rete per il pubblico accesso datelo pure per perso.
    Tanto vale mettere una licenza Creative Commons su quelle immagini, così chi le usa senza scopo di lucro potrebbe farvi pubblicità (col watermark) e chi ci facesse su dei soldi... Avete l'appiglio per mettergli le mani (legalmente) addosso.

    Asu, qualche altra considerazione?

    RispondiElimina
  3. Mi è venuta l'ansia........non ho capito il punto 3...
    Tutto quello scritto è insindacabile,io mi chiedo perchè ogni volta deve essere tutto così complicato e non solo in questo campo anche in altri,se la gente può campare a tue spese lo fa tranquillamente.
    Grazie per i consogli io ero ancora nel mondo dei sogni...

    RispondiElimina
  4. anch'io ansia...O___________O
    grazie asola..

    RispondiElimina
  5. Grazie cara delle spiegazioni.
    Mattia parla di licenza Creative Commons , ma non so come si mette.

    ciao a tutti :o)

    RispondiElimina
  6. Salve a tutti/tutte ;-)
    scusate se ritorno sulla stessa pagina internet, ossia http://www.anonimafumetti.org/faq3.asp?id=3
    (espressione di una organizzazione legata al sindacato di settore), ma è la stessa pagina sulla quale mi sono basato io pr andare in rete.
    Vi riporto qualche estratto:
    "Tutela di Personaggi, storie ecc.
    di Gianfranco Goria
    "VORREI SAPERE COME TUTELARE UN MIO PERSONAGGIO." (O una sceneggiatura, o altro ancora...)

    Diritto d'autore (garantito dalle leggi italiane e dalle convenzioni inernazionali e mirato alla tutela dell'autore e dei suoi eredi) e Copyright (istituzione statunitense tesa a tutelare non tanto il diritto d'autore quanto i diritti commerciali di riproduzione) sono due cose differenti. La SIAE non si occupa di copyright
    (...)
    Nulla vale legalmente in modo assoluto (...) tantomeno il giochetto dell'autospedizione (con il quale i prestigiatori fanno di tutto...). Quando si apre una causa per violazione del diritto d'autore la faccenda è lunga e complicata (vedere vertenza in corso, da tempo, per i diritti di un personaggio praticamente sconosciuto come Harpo, tra la Mondini e il Faraci).
    (...)
    Più persone avranno potuto vedere il tuo lavoro, più testimoni avrai. Più pubblicazioni ci saranno, più documenti avrai. Le norme di legge non entrano nel dettaglio. In ogni caso il diritto d'autore è legato alla creazione dell'opera e NON al deposito
    (...)
    chiunque voglia togliersi lo sfizio di mettere la c nel cerchietto può farlo senza alcun problema: è un semplice fatto estetico, dato che fuori degli Stati Uniti non ha alcun significato legale vero e proprio. Serve solo a dire "guardate che su questo oggetto c'è qualcuno che ha dei diritti". E anche negli States non significa nulla se non c'è stata una procedura apposita. La legge sul diritto d'autore sancisce che il diritto sorge con l'opera stessa. Nel momento in cui la crei (purchè sia davvero un'opera originale, o un'idea strutturata) acquisisci automaticamente il diritto d'autore. (...)La "certificazione" della paternità nasce semplicemente nel momento della pubblicazione; in quel momento l'opera è resa pubblica e, automaticamente, se vi è indicata la paternità, anche quest'ultima diviene di dominio pubblico(...)".

    Il testo è un pò lungo, comunque, alla pagina suindicata c'è dell'altro; al limite la si può copiare su word e rileggersela con calma, dividendola in capitoli ;-)
    Appena ho tempo guardo anche A6.
    Saluti.
    G.Moeri

    RispondiElimina
  7. grazie delle dritte cara^^
    prenderò in considerazione alcune di queste e inizierò ad usarle!!
    ancora grazie e bacioooonii!!

    RispondiElimina
  8. Mattia Bulgarelli6 settembre 2008 18:21

    @lucifer

    Basta una dichiarazione in chiaro da qualche parte, tipo "il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons (e specificare il tipo)

    Per cominciare: http://creativecommons.it/

    Ed in particolare
    http://www.creativecommons.it/cosa-fa-cc

    In ogni caso non credo che ci siano persone che rubano a mano bassa il lavoro degli altri pari-pari rischiando problemi.
    E'molto più facile "scopiazzare" le idee, visto che non è mai chiaro dove finisce lo scopiazzo e dove inizia l'idea originale.

    Quindi non tormentatevi troppo, se qualcuno si farà delle magliette con un vostro disegno non lo prenderete certo per il collo.
    Se ne vende 10.000, l'affare sarà grosso abbastanza da giustificare l'avvocato.

    RispondiElimina
  9. In Fotoscioppe, mi pare che ci sia la possibilità, iscrivendosi in una parte dedicata a questo di Adobe, di ricevere una specie di filigrana che viene inserita dal programma nella vostra foto e che la fa indiscutibilmente vostra.
    Mi pare che il servizio sia gratuito.
    Naturalmente bisogna avere un Photoshop non taroccato.
    Adesso sono lontano dal Mac e non posso controllare tutto ciò che ho detto sopra; lunedì controllo e sarò più preciso.
    L'idea della busta non è male.

    RispondiElimina
  10. Cioè praticamente,l'unica soluzione è :pubblicare i lavori e sperare che a nessuno venga in mente di prendere spunto e se questo accade una bella macumba al tipo in questione e via?

    RispondiElimina
  11. sembra che mi avete letto nel pensiero, proprio qualche giorno fa parlavo con un mio amico di questa cosa, certo devo dire che per i miei quadri è un po diverso: uno perchè io ho sempre a casa l'opera vera e propria, e poi la gran parte dei miei lavori sono stati presentati come opere della mia tesi, o esposte a mostre di pittura( quindi tutte documentate), forse mi sbaglierò ma per ora credo di essere abbastanza al sicuro, certo è che nel momento che comincerò a fare dei lavori del tutto miei, ( cioè a partire dal soggetto che fino ad ora ho preso da foto fatte da altri) e svilupperò un mio " genere", se si può dire, ci penserò un po di più a tutelarmi.
    in conclusione grazie per le varie delucidazioni!

    RispondiElimina
  12. X Mattia
    Grazie, comunque è vero che se qualcuno usa un tuo disegno e si fa due magliette non è niente di grave;
    se Tiziofamoso le produce su scala e se le vende il discorso cambia!
    Ma sicuramente non userà mai i tuoi disegni ma copierà l'idea, anche perchè gli originali sono in mano tua.
    Comunque il miglior modo di non farseli fregare è non metterli in giro ... ma a questo punto che li fai a fare?
    Ciao :o)

    RispondiElimina
  13. bene, questo post è fantastico *_*
    anzitutto grazie Asola, Mattia e Moeri, che avete parlato sufficientemente potabile (me ignoranta) e soprattutto per la solerzia!
    a mio parere le cose più sicure sono in effetti anche le più complesse: la fama! e oltre a ciò uno stile inconfondibile... @_@

    avevo pensato anche io a mettere scritte semi-trasparenti sui miei lavori, ma sinceramente quando incontro altri che lo fanno lo trovo molto fastidioso in quanto interferisce con la fruibilità del disegno... sarà che cmq io non copierei mai lo stile di nessuno, se non specificandolo espressamente!

    intanto, comincerò con una bella C di finto copyright :D meglio che niente ^o^!! poi mi farò un bel giro sul sito di creative commons ;)

    sbacioletti :x :x

    GiuliA ^,^

    RispondiElimina
  14. grazie a tutti dei consigli, preziosissimi!

    Farò un giretto su creative commons pure io

    @papà: la licenza Adobe si paga. non so quanto ma non era gratis

    RispondiElimina
  15. A mio parere è abbastanza difficile che un disegno venga utilizzato su larga scala quando il ladro non possiede l'originale o una buona copia (c'è davvero tanta concorrenza: semmai vi copiano l'idea e per questo non ci si può fare nulla!!!).
    Postando in rete la bassa risoluzione può essere una discreta protezione.

    Mi è capitato un paio di volte di vedere magliette o biglietti da visita non autorizzati con miei lavori.
    Chi lo fa è spesso gente che "ci prova".
    Basta la voce autorevole di un amicO che parli un sufficiente "legalese" per impaurire i suddetti.

    Inoltre vi consiglio caldamente di non bloccarvi davanti a questo ostacolo.
    Credo che già avere un blog e una firma sulle opere sia una buona protezione.

    Il pacchetto con i timbri non serve, se lo volete per forza fare,fatelo almeno sigillare (mi pare che alle Poste si possa richiedere), senno vi potrebbero accusare di averlo aperto e richiuso ^__-

    RispondiElimina
  16. Buongiorno a tutti!!

    Dunque

    Pierluigi: grazie per averci contattate, ho visto il tuo blog e le tue vigne fanno troppo ridere XD disegni molto bene!! Se vuoi possiamo linkarti tra gli amici pusciastovi :D facci sapere agli indirizzi che trovi in fondo al blog Pusciastova, ti aspettiamo!!

    Mattia:
    ti ringrazio davvero per il tuo punto di vista, oltretutto sei molto chiaro e questa è una buona dote!! Se e quando vuoi, hai voglia di farci un post sull'argomento o su qualsiasi cosa tu voglia dire sui fumetti? saremmo liete di averti tra noi come opinionista e amico, e se ci dai un link ti mettiamo subito tra i friends!! Basta scriverci agli indirizzi in fondo al blog, Patty e Kat

    Per tutti:
    argomento interessante, controverso e pieno ancora di lacune burocratiche.
    Asu ci ha fatto un resoconto di quello che, a suo parere, è un buon modo di difendersi.

    Alcuni possono essere d'accordo, altri no, ma ognuno ha il suo punto di vista, frutto di conoscenze diverse.

    Sono sempre convinta che la migliore difesa è la popolarità, sebbene non sia esente da rischi e da "copioni" sempre in agguato.

    Ma è un rischio che si deve pur correre per poter esser, appunto, popolari.

    E' un po' come dire: ho paura di essere investita da un camion e quindi non esco di casa.
    Poi magari scivoli su una saponetta in bagno e schiatti ^^
    lo so, non è una metafora allegra, ma rende l'idea!!
    Chi non risica, non rosica.
    Con giudizio, naturalmente!!

    Ultima cosa: non trovate che la Pusciastova sia un ottimo posto dove pubblicare i propri disegni? In fondo, siamo così tante ormai che possiamo testimoniare l'una per l'altra!!! La Puscia serve a tutto!!!! :DDD

    bacio
    Patta :*

    RispondiElimina
  17. dimenticavoooo

    Moeri!! Ciao e grazie per i tuoi commenti, scusa se ho disertato il tuo blog, ma ultimamente è stato un caos per me, tra organizzare battesimo, lavoro, un matrimonio a cui andare, ecc.
    Ma ora sono qua :D
    Il discorso post vale anche per te:
    quando vuoi postare vignette, argomenti vari, mandali a Kat e me agli indirizzi che trovi in fondo al blog, e noi te li posteremo più che volentieri!!!
    Ah dimenticavo, ora ti aggiungo pure ai links che tra una cosa e l'altra perdo i pezzi per strada ^^
    ops la testa mi è caduta ah ah ah

    ciao e a presto|!!!!!

    Patta :*

    RispondiElimina
  18. @ Kay
    ettipareva che la Adobe facesse qualcosa di "a gratis"!

    RispondiElimina
  19. Marioooo
    grande, grazie per i commenti :DDD
    sempre graditi!!!

    buona settimana!
    Patta
    ps ieri ci siamo viste con tua figlia, persona eccezionale

    ps2 sè, la Adobe non regala niente peggio della "Maicrosoft" ^^

    RispondiElimina
  20. son riuscita a farmi una licenza con Creative Commons - è semplice ed è già una tutela :)

    RispondiElimina
  21. Mattia Bulgarelli8 settembre 2008 17:01

    Intanto grazie a tuttE ;) per i complimenti.

    @Michela: Ci si legge anche qui, eh? ^_^

    @GiuliA: se metti la (C), puoi tranquillamente metterla, non è "finta".
    Quel che tu crei nasce già con un copyright tuo, per legge, nessuno ti deve "autorizzare" ad avere il (C).
    Ovviamente, indicare chiaramente il (C) è un metodo per evitare che "furbi" invochino la "buona fede".

    Le licenze Creative Commons sono un'alternativa al Copyright, per chi volesse una tutela differente (per caratteristiche) al "default" del Copyright.

    @Patty: al momento non ho nè blog, nè sito mio. Collaboro con un po'di disegnatori, le EdenGirls in primis.
    Sarà ora che me lo faccia, un blog? Indecisione, indecisione...

    RispondiElimina
  22. 3.000 grazie per il collegamento (che ricambierò) e spero di essere stato utile a qualcuno (prego Lucifer-El e Giulia :-) ).
    Riguardo a spedire qualcosa di mio non so ancora che cosa, anche perchè alterno serie del tutto differenti nel corso dell'anno, vedrò.
    Saluti.
    G.Moeri

    RispondiElimina
  23. Fortunatamente nei miei lavori ho sempre messo il link...copyright o no penso sia sempre cosa buona e giusta rendere i lavori sempre "reperibili".

    Volevo chiedere questa cosa che mi ha sempre reso piuttosto perplessa...

    su deviantart ho notato che si può inserire il creative common. Sarebbe il copyright giusto? (me ignorante ç_ç). Insomma, registrare le cose su deviantart col copyright è una buona garanzia? Oppure in realtà è addirittura peggio (chessò, si prende tutti i meriti il sito stesso)?

    Un bacio bellezze!

    ps: perchè non inserite una bella tagboard? *O*

    RispondiElimina
  24. tutto molto interessante, io devo dire che qualche anno fa, proprio quando ho iniziato a disegnare con questo stile e ho creato i personaggi de le vibrazioni, mi son autospedita un paio di originali con la creazione dei personaggi...avevo letto su un libro sul diritto d'autore che questo era un buon metodo!
    poi mi era venuta l'idea di registrare delle opere alla siae, ma dovevan esser inedite, mentre io le avevo già pubblicate con la disney e nel dvd del gruppo musicale...quindi la maternità era ormai ovvia!
    concordo quindi che la diffusione e la pubblicazione siano la migliore tutela...e tenere sempre gli occhi aperti...anche perchè x farsi conoscer in giro le cose bisogna mandarle...tenerle nel cassetto serve a poco!!!
    ah patty kat...ho messo un articolo su A6 nel blog di uBC fumetti, come blog di informazioni sui fumetti credo sia il più visto, perchè non mettete anche voi un articolo sulla pusciastova?;)

    RispondiElimina
  25. @Isa: uao, non credevo potessimo metterci del "nostro" finché non ci contattava nessuno... Patta fai tu pr, che io devo uscire dall'uffizio? :)

    RispondiElimina
  26. Quella di spedirsi i disegni per avre la data del timbro postale è machiavellica O_o
    Grazie dei consigli :*

    Chat F.

    RispondiElimina
  27. Caspita!!!Grazie mille per le informazioni!Sono veramente interessanti ed utili i vostri consigli...ci ho pensato spesso anche io al problema del copyright, vedrò di ingegnarmi, anche se...non credo che qualcuno verrà mai a "rubare" le mie comic strip!Però oggi mi spedisco una bella lettera con dentro i miei disegni e ne mande altre a conoscenti.Ottimo il vostro blog!Siete veramente brave!Io non ho la vostra abilità, non ho nemmeno mai studiato disegno o grafica quindi se un giorno vi capiterà di passare da me,cercate di trattenere un grido di paura per la tecnica...a presto!
    www.caraffa-strip.blogspot.com

    RispondiElimina

Lasciate pure i vostri commentuzzi!
Comments are so very welcome!